the naked world

I nudi di Spencer Tunick.

making of  “Spencer Tunick Installation” Amsterdam 

I modelli da lui utilizzati sono dei volontari. Tunick ha spesso suscitato dibattiti e interrogativi per la natura della sua opera, che molti definiscono una semplice “manifestazione sociale”, a sostegno della libertà di espressione. Dalle sue immagini scaturisce una tensione e una riflessione sui concetti di pubblico e privato, individuale e collettivo. L’esperimento visivo compie un’azione livellatrice che permette di comprendere l’omogeneità umana, tramite una visione democratica del nudo, che, totalmente privato di umanità e sensualità, ci riporta all’oggetto-merce.

GV



I commenti sono chiusi.